I miei articoli

Pipis giù le zampe!

Pubblicato il

No, non sto cercando di mordicchiare, addentare, stritolare, spupazzare, queste chiappe morbide dalle penne villose!!! Sono caduto svenuto… sarà il caldo, l’escursione termica, che non ci sono più le mezze stagioni e ora mi ritrovo così… Che non so dove mettere le zampe. . . . Pipis e Guendalina

I miei articoli

Il misterioso mondo delle fiacche.

Pubblicato il

Non si chiamano fiacche??? Vesciche. Vesciche metterà tutti d’accordo. Arriva la primavera, non sei ancora pronta a riesumare i sandali dal garage, ma gli stivaletti Bikers, che fanno tanto aggressive (pronuncia in inglese) ora lasciano all’aggressive, il posto al sudaticcio molliccio, viscido, puzzolente piede, che ad ogni passo regala un’affascinante melodia stile rane nello stagno. Cedi […]

I miei articoli

Guendalina

Pubblicato il

Lei è Guendalina, la gallina. In realtà è un’anatra. Non si può veramente dire: “Sono nella merda” finché non hai accolto in famiglia un’anatra, finché non hai veramente preso coscienza di come funzioni l’intestino degli animali da pollaio. Loro mangiano e cagano… Sempre. Fanno una pausa quando ti usano come cuscino termico e poi ricominciano. […]

I miei articoli

Pipis

Pubblicato il

Pipis, il pipistrello, in realtà è un gatto. Lo so è stupefacente la somiglianza, ma non vola. Ti è stato spacciato per un gatto normodotato, tu l’hai accolto in famiglia, ma ti sono bastati 2 minuti, in macchina, nel tragitto, bendata, per capire che Pipis ha la stessa carica energetica che da generazione in generazione […]

I miei articoli

Il dito nella tazza con il buco

Pubblicato il

Il dito nella tazza con il buco La tazza giapponese con il buco, regala sempre grandi soddisfazioni. Originariamente progettata per infilarci le bacchette di legno e godere di un caldo Ramen, arriva in Italia come souvenir. Dono altamente apprezzato, tanto da diventare la tazza della colazione ed essere motivo di litigio tra i componenti di […]

I miei articoli

Ti accorgi di essere ingrassata quando…

Pubblicato il

Ti spari tre ore di macchina, sei, tra andata e ritorno, per una visita a tuo figlio, il grande, che in macchina sta talmente buono (evento più unico che raro) che a tratti ti devi  assicurare non sia finito fuori. No, non dal finestrino, dalla portiera. Perché la multipla, la tua carissima multipla del 2001, […]